Programma: I Moduli

Il programma si articola in 7 moduli, che verranno affrontati ciascuno con una parte di formazione a distanza (e-learning) e un incontro in presenza (dal giovedì al sabato per ogni modulo didattico). Si tratta dunque di una sorta di “formula week end” che si ripete 7 volte durante l’anno accademico con una cadenza mensile tra un modulo e l’altro.

I moduli didattici

[su_accordion] [su_spoiler title=”1. Modulo Sistema Cultura” style=”fancy”] Il primo modulo del percorso didattico è una introduzione al contesto del lavoro culturale e del patrimonio storico in Italia: le istituzioni e l’industria dei contenuti, le strutture organizzative  e le professioni. Nel delineare il quadro che gli altri moduli, progressivamente, metteranno a fuoco anche da un punto di vista disciplinare, si cercherà di far emergere alcune caratteristiche peculiari del mondo della cultura e dei suoi protagonisti. La digital heritage, ha spostato il focus della produzione culturale sulla disponibilità di contenuti immateriali per una nuova domanda di conoscenza ma la crisi economica rischia di compromettere le opportunità che si aprono per  le Istituzioni e le imprese culturali. In questo scenario s’impone la ricerca d’idee e modelli gestionali che, rispettando le specifiche esigenze di tutela, consentano innovazione in prodotti e servizi per la valorizzazione del patrimonio in stretto rapporto  con il   territorio. [/su_spoiler] [su_spoiler title=”2. Modulo Economico” style=”fancy”] Il modulo si propone di trattare la cultura come attività economica. L’economia della cultura considera la cultura come attività produttiva e come motore di sviluppo economico. Per cultura ci si riferisce in questo caso sia ai cosiddetti “beni culturali”, sia all’attività di produzione e di comunicazione di idee, di modelli di vita, di interpretazioni del mondo e di strutture linguistiche che più generalmente caratterizzano una comunità. In questo modulo si affronteranno i temi dei comportamenti sociali e delle preferenze endogene, del mercato della cultura, del capitale sociale e dei beni pubblici locali, del governo del territorio e dello sviluppo sostenibile, del finanziamento del settore culturale e del ruolo delle istituzioni non-profit. Particolare attenzione sarà dedicata al tema della valutazione economica dei progetti anche attraverso l’analisi di specifici casi studio. [/su_spoiler] [su_spoiler title=”3. Modulo Gestionale” style=”fancy”] Il modulo gestionale ha l’obiettivo di formare i partecipanti sulle principali metodologie e tecniche di analisi e gestione aziendale applicate alle imprese ed enti culturali. In questo modulo si affronteranno i temi degli assetti istituzionali, dell’organizzazione aziendale, dei sistemi di pianificazione, programmazione e controllo di gestione, di direzione e sviluppo del personale, di rendicontazione economica e sociale. Una sezione specifica del modulo sarà dedicata alle tecniche ed altri strumenti di design  e project management in campo culturale ed artistico, a partire dalla fase di ideazione, passando per quella strettamente esecutiva e di completamento. Particolare attenzione verrà dedicata alla analisi e alla progettazione delle reti culturali, analizzando finalità e funzionamento di distretti, poli, sistemi culturali, approfondendo i modelli di governance e gli elementi di complessità gestionali che li contraddistinguono. Il modulo verrà affrontato mediante lo studio di casi di eccellenza del panorama nazionale ed internazionale. [/su_spoiler] [su_spoiler title=”4. Modulo Marketing, Fund Raising e Audience development” style=”fancy”] Obiettivo del modulo è quello di permettere ai partecipanti di sviluppare un processo di apprendimento relativamente ai concetti cardine e all’impianto metodologico del Marketing e del Fund Raising e di stimolare una capacità critica su aspetti connessi alle scelte strategiche e operative che si presentano nella gestione delle organizzazioni culturali. Particolare attenzione verrà prestata all’analisi dei contesti ambientali e competitivi, alla conoscenza dei pubblici della cultura, alla pianificazione strategica e alle potenzialità dei nuovi media sociali per il marketing, la raccolta fondi e la comunicazione. Il modulo sarà corredato da casi di studio e buone pratiche a livello nazionale e internazionale. Saranno, altresì, previste occasioni di confronto in presenza con esperti e professionisti del settore. [/su_spoiler] [su_spoiler title=”5. Modulo Giuridico” style=”fancy”] Il modulo mira ad approfondire i complessi problemi giuridici connessi alla tutela e alla valorizzazione dei ceni culturali nell’ordinamento italiano. E’, infatti, evidente che gli aspetti connessi alla gestione ed alla “governance” dei fenomeni economici devono essere ricomposti all’interno del sistema di regole e di procedure certe che presiede ai comportamenti delle pubbliche Amministrazioni nelle varie declinazioni e livelli (statale, regionale, locale) in cui esse si articolano. Saranno affrontate le seguenti tematiche: le criticità insorte con le modificazioni costituzionali del Titolo V della Costituzione, introdotte nell’anno 2001, la ricostruzione del quadro delle regole presente nel nuovo Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, le privatizzazioni, le dismissioni e il diritto comunitario. Il modulo è arricchito con specifici casi studio inerenti alle questioni giuridiche affrontate durante il corso e con aggiornamenti rispetto alla normativa vigente. [/su_spoiler] [su_spoiler title=”6. Modulo Cultura, Turismo e Sviluppo territoriale” style=”fancy”] Il modulo si pone l’obiettivo di analizzare il rapporto tra beni e attività culturali e sviluppo delle economie locali fondato sulla valorizzazione del turismo. Particolare attenzione verrà dedicata all’analisi del turismo culturale, in termini di fonti informative, metodi di programmazione, ruolo degli operatori privati e responsabilità del settore pubblico. Il modulo farà riferimento alle principali teorie in materia oltre che a casi di studio di rilievo nazionale e internazionale. [/su_spoiler] [su_spoiler title=”7. Modulo Progettazione finanziata” style=”fancy”] Il modulo si pone l’obiettivo di analizzare il rapporto tra beni e attività culturali e sviluppo delle economie locali fondato sulla valorizzazione del turismo. Particolare attenzione verrà dedicata all’analisi del turismo culturale, in termini di fonti informative, metodi di programmazione, ruolo degli operatori privati e responsabilità del settore pubblico. Il modulo farà riferimento alle principali teorie in materia oltre che a casi di studio di rilievo nazionale e internazionale.[/su_spoiler] [su_spoiler title=”Workshop e laboratori” style=”fancy”] Ad integrazione del percorso formativo del Master, sono previste attività facoltative di studio, incontro e discussione di specifiche tematiche riguardanti i diversi comparti del settore delle industrie culturali e creative, creando quindi occasioni di approfondimento specifico nei settori del design, dell’artigianato, dell’audio-visivo, della musica, dell’editoria, del patrimonio storico-artistico, delle performing arts e delle arti visive. [/su_spoiler] [/su_accordion]